NewsTop news

Se ascoltando una canzone ti viene la pelle d’oca, allora sei speciale!

Vi sarà capitato sicuramente che ascoltando una canzone che vi ricorda un momento particolare della vostra vita, vi siano venuti i brividi, con conseguente pelle d’oca. Ebbene si, si tratta di un’emozione con la conseguente reazione che può avvenire a volte anche al primo ascolto e poi ripetersi ogni volta che quel brano ritorna nella nostra mente.

Può essere un brano che associamo alla nascita del nostro primo figlio oppure ad un un’importante obiettivo raggiunto nella vita o la fine di un amore importante, insomma eventi cruciali a cui ognuno di noi associa un brano musicale. Sarà il tipo di musica oppure la voce calda dell’interprete, ma quel brano ci rende particolarmente emotivi e adesso scopriamo il perché.

Uno studio rivela il perché

La ricerca su questo tema è stata condotta da un gruppo di ricercatori di Harvard e il test in questione è stato condotto su un gruppo di 20 studenti. I ragazzi sono stati dotati di cuffie e sono stati messi a loro disposizione dei brani musicali da ascoltare. Dall’esperimento è emerso che solo 10 di questi hanno provato la sensazione di brivido per l’emozione con conseguente pelle d’oca e gli altri 10 invece non hanno avuto la stessa reazione. Per mezzo di una risonanza magnetica sono riusciti a monitorare le connessioni tra le aree nervose del cervello e la loro comunicazione.

Dopo l’esame si è scoperto che gli studenti che avevano avvertito la sensazione di brividi durante l’ascolto possedevano un maggior numero di fibre nervose tra la zona del cervello che è reattivo agli stimoli uditivi proprio detta appunto corteccia uditiva, l’area cerebrale detta corteccia insulare anteriore in cui si ha la vera e propria elaborazione dei sentimenti e la corteccia prefrontale che si occupa di monitorare le emozioni.

Scoperta utile in campo medico

Si può tranquillamente concludere dopo questo interessante test che la qualità di connettività del cervello ha una componente fisiologica importante nel tipo di coinvolgimento emotivo dopo l’ascolto di un brano musicale.

Matthew Sachs che è stato uno dei ricercatori coinvolti in questo studio, mette in evidenza l’importanza medico scientifica di questa ricerca. Lo studio aiuterebbe a fare un passo in avanti per approfondire gli studi psicologici su determinate patologie quali la depressione.

Proprio a questo proposito Sachs dichiara:”La depressione causa l’incapacità di provare il piacere delle cose di tutti i giorni. Si potrebbe pensare all’uso della musica come mezzo per sondare le proprie emozioni e sentimenti insieme all’aiuto di un terapeuta”.

Comment here